torta carnevale

torta carnevale

mercoledì 30 settembre 2009

LA TOSCANA INCONTRA IL VENETO ( POLENTA E SOPRESSA ) E PREMIO

La ricetta di oggi racchiude i sapori di due regioni.



La polenta che viene usata sia in Toscana che in Veneto, ovviamente con modi diversi di cottura.
Nella nostra Toscana, la usiamo molto fritta ( credo che si faccia solo da noi ), o a gnocchi e condita con un ragù ricchissimo di carni diverse (quando farà più freddo giuro che posterò questa ricetta).
Nel Veneto invece, preparano la classica polenta (qui usano molto anche la farina bianca), che poi sformano su di un grande vassoio, la tagliano col filo e la accompagnano a carni tipo agnello o maiale al posto del pane, o con la sopressa.
Questo salume tipico Vicentino (Altopiano di Asiago), assomiglia come forma e macinatura alla nostra finocchiona ma condita solo con pepe e a piacere aglio.
Anche dopo una lunga stagionatura rimane sempre compatta ma morbida, un sapore quasi dolce e inconfondibile.



Ingredienti:

500 g di farina gialla grezza bio
2 l di acqua
sale q.b.
olio evo q.b.
olio di girasole q.b.
sopressa



Procedimento:

Ponete su fuoco una pentola di acqua, aggiustate di sale e appena arriva al bollore versateci a fontana la farina di mais, mescolando con una frusta per non fare formare grumi.
Abbassate leggermente il fuoco e fate cuocere sempre mescolando ma con un cucchiaio di legno, per circa 40-50 minuti.
A questo punto, roveciate la polenta in una teglia rettangolare bella unta di olio evo, compattate bene e livellate con una spatola.
Lasciate raffreddare prima a temperatura ambiente e dopo in frigo per qualche ora.
Quindi vi conviene prepararla la sera precedente.
Sformatela ora su di un tagliere e tagliatela a fettine spesse circa 1 cm.
Ponete sul fuoco una padella con l'olio per friggere (a vostra scelta), quando comincia a sfrigolare versateci alcune fette di polenta e fate dorare da tutti e due i lati ci vorranno circa 5-7 minuti.
Friggete fino ad esaurimento della polenta, fatela scolare su della carta assorbente e a questo punto ponetela su un vassoio con sopra le fettine di sopressa e Buon appetito!!!!!




Ringrazio Manuela di " La via delle spezie " che mi ha donato questo premio, la regola è solo quella di donarlo ad altri 10 blog.

Io ho scelto:

Ciccia Pasticcia


Cenerentola in cucina


Sfizi e delizie


Delizie del palato

Fragole a merenda

Il cucchiaio d'oro

Il mondo di Milla

Juls'kitchen

Io così come sono

Sale e pepe Silvana

29 commenti:

  1. uno stuzzichino davvero gustoso! si colloca prorio nel mezzo!
    un bacione

    RispondiElimina
  2. Proprio un bel matrimonio!!!!
    Marty

    RispondiElimina
  3. Idea stuzzicante, molto molto appetitosa :-)

    RispondiElimina
  4. Oh la polenta a gnocchi! quanto tempo che non la mangio, la faceva sempre mia nonna! nonostante lei fosse fiorentina doc ricordo che spesso la versava su una grande spianatoia e poi la tagliava con il filo, era un bel rituale, o almeno a me sembrava tale ero molto piccola e mi piaceva un sacco il taglio col filo!

    RispondiElimina
  5. da buona padovana non potrei mai e dico mai rifiutare poenta e sopressa!!!
    favolosa!!

    RispondiElimina
  6. Grazie tantissime...lo posterò al più presto!!

    Ottima la polenta un'idea originale!!

    RispondiElimina
  7. Un antipasto veramente sfizioso. E' sempre un piacere passare da te, mi piace moltissimo la playlist che hai scelto!

    RispondiElimina
  8. Da me non è molto cucinata e l'ho mangiata poche volte grazie ad un collega di lavoro! Mi ero ripromessa che quest'anno l'avrei preparata e questo è un buon modo di farla!Complimenti!

    GRAZIE per esserti aggiunta al mio blog...mi ha fatto un immenso piacere e anch'io passarò a trovarti costantemente!UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
  9. Ottimo come aperitivo!!! Mi hai dato una bella idea, ma aspetto il freddo per fare la polenta!

    RispondiElimina
  10. Grazie mille per avermi pensata. Ottimo queste stuzzicchini!

    RispondiElimina
  11. Io sono toscana, ma non usa da noi farla fritta o a gnocchi. Sarà che sto in 'altissima' toscana, in mezzo fra liguria e emilia ma la polenta da noi usa mediamente morbida servita con vari sughi soprattutto di carne e funghi.
    Bona bona!!

    RispondiElimina
  12. Io da veneta doc (mamma veneziana, papà padovano, suoceri veronesi) non posso farmi mancare queste delizie!!!!!!
    Grazie mille per il premio.
    Sono giornate un po' frenetiche ma lo posto appena possibile!
    Baci ♥♥♥

    RispondiElimina
  13. Grazie per la visita! :-)
    Ricambio con piacere il 'Segui' ed i 'Preferiti'.
    Ho letto la ricetta dei budini di riso, che booooni! Io faccio crostata di riso molto simile.
    Proverò anche i tuoi sfiziosi budinetti!
    Alla prossima!

    RispondiElimina
  14. Ma che bell'accoppiata in questa ricetta e complimenti per il premio :-) Buona serata Laura

    RispondiElimina
  15. Polenta fritta e soppressa: uno di quei gustosi piatti autunnali che piacciono a tutti! Brava Stefi! A presto,
    Sabrine

    P.S.: grazie per il commento al mio post di oggi...

    RispondiElimina
  16. grazie infinite per questo premio, lo pubblicherò presto..baci

    RispondiElimina
  17. Bona la polenta! e poi fritta, ancora meglio!
    e poi con questo salume che non conosco.. ma se è come la nostra finocchiona, ancora ancora più buono!!
    grazie per il premio, corro a pubblicarlo!
    baci

    RispondiElimina
  18. Che stuzzicante abbinamento!!!!
    Non ho mai assaggiato la polenta fritta, ma non è difficile immaginare quanto possa essere buona :))

    RispondiElimina
  19. Buono questo antipastino spilucchino...lo finirei in un attimo!! Grazie per il premio, per aver pensato a me, da un pò non li posto più perchè non sono puntuale e a volte mi dimentico, cmq grazie di nuovo!!

    RispondiElimina
  20. Che buon stuzzichino che hai preparato...giusto giusto prima di pranzare, buona domenica!

    RispondiElimina
  21. Due regioni di cui apprezzo molto la cucina..deliziosi i tuoi stuzzichini!

    RispondiElimina
  22. un bel modo gustosa per mangiare la polenta

    RispondiElimina
  23. Stefania,attenzione!La polenta VENETA è a grana un pò più grossa di quella che si trova qui! La riprova è data dal prodotto finito:in tutti i posti fuori dal Veneto la polenta che ti viene servita...la puoi tirar su con la cannuccia ( si fa per dire ) è squaquarona ! Prova a tagliare quella 'cremina' con lo spago ! In veneto lo puoi fare . Il discorso però sarebbe più lungo , ne riparliamo alla prossima da Juls o meglio...in Santo Spirito....[vai sul cavoletto!] Livio

    RispondiElimina
  24. Resto in tema :sono Veneto e risiedo in Toscana,ma quanto segue non è un antipasto anche se....3uova+150gr.farina+120gr.olive denocciolate+120gr.pomodorini senza semini+1cte lievito+tanto origano. Mescolare in una terrina le uova+farina+lievito+origano.Quando la 'mappazza' appare unita , unire le olive e i pomodorini.Mescolare bene.Prendere contenitore x cake unto d'olio , versarci la mappazza ,e , mettere in forno a 170° per circa 30 minuti. Usare bordi alti perchè tende a salire...Io in forno ventilato,mi sono tenuto a 180° x 25 minuti . Contenta Stefania ? San Bernardo [p.s. il suggerimento 'scritto' è di mia moglie,la realizzazione,mia]

    RispondiElimina
  25. Grazie...... San Bernardo!!!!!!

    RispondiElimina
  26. P.S. ho dimenticato di dire che lo stampo per cake, che uso è di silicone . Livio

    RispondiElimina
  27. RUBY , scusa, ma in passato [un passato ..veramente passato...forse..remoto] i pastori o i boscaioli della Lunigiana , non se ne portavano un tocco nella bisaccia ? Se si, non era certo quella robina umidiccia che viene fatta oggi e ...venduta come polenta...!San Bernardo.

    RispondiElimina
  28. Stefania,quando te ne ricordi, SE TE NE RICORDI, passa sul forum del Cavoletto [Appello....] , ci sono novità . Livio

    RispondiElimina